Strade innevate vs. i nostri regnanti

Date febbraio 14, 2013 Author giannidavico Comment 4 Comments

La strada statale 548 della Valle Argentina, nel tratto tra Badalucco e Molini di Triora, che poi diventa strada provinciale 52 fino a Triora, in provincia di Imperia, attraversa l’omonima valle in un paesaggio incantevole e quasi fiabesco.

L’ho percorsa lunedì pomeriggio con la famiglia, in una gita in quei luoghi magici. Aveva nevicato la notte prima e la mattina stessa, e per la strada erano passati sì, ma sommariamente, gli spazzaneve; e tuttavia non era stato sparso il sale. Il motivo – che potevo facilmente capire da solo – me l’ha detto una signora che conduce un piccolo negozio di alimentari in quei luoghi: non ci sono soldi per queste cose.

(E tra parentesi: non sono incantevoli le botteghe di questi paesini? Contro ogni logica economica, resistono all’avanzata dei maxi-scatoloni ora noti come “parchi commerciali” – cambiare nome alle cose per mascherare la realtà è un trucco ben noto da millanta anni.)

Ora, i temi di lunedì erano due: l’abdicazione del papa e lo scontro Berlusconi-Monti. Sui siti, sui giornali, sulle bocche delle persone si parlava di questo. Ma a volte – spesso, in verità – occorre fare un passo in più per scoprire come stanno le cose: le notizie del mondo passano nel breve volgere di un giorno (o di qualche giorno), mentre problemi come questo restano.

Perché chi anima quei luoghi non ha diritto a che le strade siano percorribili? Le campagne elettorali parlano di grandi temi; e sono belle parole, ben costruite e argomentate, ma i problemi quotidiani sono gli argomenti che interessano le persone comuni.

Ecco, io in questo luogo questo dico: una strada statale di montagna d’inverno senza sale quando nevica è qualcosa che non funziona, che non è giusto, che è da cambiare.

Tagged as:  ,   ·   Categories:  Vita 2.0

4 Comments → “Strade innevate vs. i nostri regnanti”

  1. Evelin 4 years ago  

    Giusto!

  2. Federico 4 years ago  

    Il problema è il dissesto finanziario della Provincia di Imperia e l’incapacità di chi l’ha amministrata (presieduta) negli ultimi 20 anni, con la complicità di chi l’ha votata. Le strade provinciali sono di competenza provinciale. Tutto il resto sono parole

  3. Grönberg 4 years ago  

    Caro Gianni mi piace molto quello che scrivi però vorrei in questa occasione provare a far riflettere in una direzione opposta a quella che proponi in questo articolo.
    Si parla molto, e con entusiasmo, di ritorno al “locale” (a discapito del globale), desviluppo, e cambiare il sistema. Che ci si aspetti che dalla città venga della gente che si preoccupi di pulire dalla neve le strade di montagna penso sia un pensiero fortemente contrario alla corrente desviluppista. Voglio dire che si inserisce perfettamente nel nostro sistema attuale, globalizzato e basato su grandi centri urbani di concentrazione del potere. Però non è questo sistema che vorremmo cambiare? Se davvero vogliamo desvilupparci, ridirezionarci verso una vita fatta di piccole comunità, possiamo scordarci le piccole (superflue) comodità date dalla ricchezza capitalista!
    È un’opinione forte, su di un tema scottante, però mi piacerebbe invitarci tutti a riflettere non solo su ciò che si guadagnerebbe ad abbandonare il sistema centralista, ma anche ciò che si perderebbe, ovvero tante, piccole o grandi, comodità.

  4. Gianni Davico 4 years ago  

    Ciao Matteo, grazie per il tuo spunto. Io in effetti intendevo dire ingiustizia verso coloro che vivono in quei luoghi, non per me turista che arrivo bel bello con la mia Jeep!

    Sul cambiare il sistema penso che prima di tutto dobbiamo cambiare noi stessi: è questo il passo più grande. Passando tanti giorni all’anno nel mio rifugio tra i monti, considero valore (per dirla alla Erri De Luca) le tante piccole scomodità e differenze rispetto a quel che ho in città. Ma il fatto di essere in armonia con me stesso quando sono lassù non ha prezzo: non ci sono aggeggi tecnologici – riscaldamenti centralizzati – iper-super-mega centri commerciali sotto casa eccetera che potrebbero darmi quell’armonia.

Leave a Reply