Del tempo che scorre e di altri accadimenti

Date marzo 14, 2013 Author giannidavico Comment 2 Comments

foto di Evelin Nicastro

Be’, sai, quell’ammonimento di non tornare a Monesiglio… in alcuni casi vale, in altri no. In questo caso no, decisamente no. No, perché lunedì siamo tornati, mia figlia piccola e io, nella nostra personale Monesiglio, ovvero in quella scuola materna dove lei ha passato tre anni lunghissimi e brevissimi della sua esistenza – e noi, di fatto, con lei. Mi sovviene Bertolucci:

O bella larga lunga Via Vittorio
che mi accogli poi che la mattina oziosa
m’aveva per linee esterne alla città portato
alla strada che impudicamente guarda
nei campi di football del collegio dove
ho passato quattro anni lontani della mia
vita, […] lascia
che m’immerga nel tuo flusso feriale,
unanime e solidale con tutti
i pellegrini alla pari di me verso la meta
del mezzogiorno prossimo e giusto.

Ecco, voglio dire, tornare a Monesiglio in qualche caso non è una delusione ma fa bene al cuore, lo allarga, ti rende sereno. Perché sì, ti accorgi dei piccoli cambiamenti (è logico, la vita scorre con o senza di noi), ma nello stesso tempo vedi tua figlia solo un po’ più piccola di com’è adesso, rivai con la memoria al tempo di allora. E ne esci sereno.

Tornare a Monesiglio in qualche caso fa bene.

Tagged as:  ,   ·   Categories:  Vita 2.0

2 Comments → “Del tempo che scorre e di altri accadimenti”

  1. Evelin 4 years ago  

    Che belle persone siete! Grazie papà di Michela!

  2. Gianni Davico 4 years ago  

    No Evelin, *grazie a voi*. L’anno scorso per Michela è stato assolutamente fantastico – e lo dico senza piaggeria o retorica, è la pura verità.

Leave a Reply