Ott 28

coccinelle
Era da qualche settimana che sentivo di giocare discretamente, e ieri finalmente i fattori si sono allineati e io ho portato a casa un bel giro. Una garetta del giovedì alla Margherita, quindi nulla di eclatante; comunque questi sono i dati:

– colpi: 75
– fairway: 86% (12 su 14)
– GIR: 61% (11)
– up and down: 71% (5 su 7)
– putt: 31
– putt per GIR: 2,00

È stato un giro molto regolare, con una quantità spropositata di par (16), “sporcata” da un bogey (comprensibile) e da un doppio sciocco (d’altra parte se possono esistere bogey intelligenti, lo stesso non può dirsi per i doppi).

Le statistiche sono molto chiare: il gioco lungo, i ferri e il gioco corto sono stati ottimi, mentre – forse stranamente, ma è questione da approfondire – il putt è stato al di sotto di livelli accettabili: prendere 11 green e fare 11 volte due putt non è certo quella che può considerarsi una prestazione spettacolare. E anche andando ad analizzare i singoli casi mi rendo conto di aver avuto cinque possibilità reali di birdie, di cui una ghiottissima (un metro e mezzo in salita, e non è stata una bella sensazione il vedere la palla staccarsi dal putt con un rotolo orribile).

Ma il putt è la parte di gioco che storicamente mi preoccupa meno, e del resto i green lenti non sono certo di aiuto; mentre il fatto di aver messo insieme, per un giro intero, dal primo all’ultimo colpo, una sequenza di drive, ferri lunghi e medi, approcci e chip con pochissime sbavature (rispetto al mio livello di gioco) mi dà un’ottima carica per il tempo a venire.

Il colpo che ho apprezzato di più è stato il secondo alla 18: dopo un tee shot orribile (un ibrido toppato che ha fatto poco più di 100 metri), ho visualizzato un secondo ibrido in fade che passasse sopra le piante e curvasse verso il green. Quando ho effettuato proprio il colpo che avevo in mente, be’, quella è stata una soddisfazione! Si gioca anche per momenti come quello.

Ieri c’era un bellissimo sole senza nuvole, c’erano mille coccinelle ad accompagnarmi, è stata una magnifica giornata di golf.


Taggato:
preload preload preload
© 2017 Gianni Davico  Licenza Creative Commons