Campanelle, passeri e lebbrosi

Come era possibile che io, proprietario di un appartamento, di un BMW che usavo solo per andare in ufficio, di alcuni abiti firmati, vari conti in banca piuttosto pingui, una moglie o ex moglie molto bella e un bimbo che cominciava adesso ad affacciarsi alla vita, non fossi stato in grado di mantenere la felicità? E invece una ragazzina con una campanella cucita nei vestiti, un cane che la seguiva dappertutto e un paio di calzini colorati sembrava imbattersi in lei a ogni istante? (Eloy Moreno, Ricomincio da te, p. 286)

Si può prendere la felicità
per la coda come un passero.
Si possono dimenticare i debiti
che abbiamo con il mondo.
Un lampo di beatitudine
non offende il nostro vicino.
Lui dorme sulla panchina,
il passero gli vola intorno.
Lui sogna il lebbroso
ma sentiamo che il suo male
non è contagioso.

(Leonardo Sinisgalli, Il passero e il lebbroso)

Commenti

[…] sente più leggeri e si dimenticano, insomma, i debiti che abbiamo col mondo. Ovvero, per dirla con Leonardo Sinisgalli: Si può prendere la felicità per la coda come un passero. Si possono dimenticare i debiti che […]

Lascia un commento