Feb 21

La veniente primavera romana sarà gravida di eventi per quanto riguarda le conferenze nel nostro settore:

Luspio Translation Automation Conference (5-6 aprile);
6th EUATC International Conference (8-9 aprile);
1st ProZ.com Europe International Conference (21-22 maggio).

Sono bei segnali di iniziative che si prendono, cose che si fanno, figure – nel senso auerbachiano del termine – che non si aspetta che qualcosa succeda; o, per dirla alla Simone Perotti,

Ecco gente che mi piace. Gente che prende e va, che non si limita a dire, che non si accontenta di far sapere da che parte sta, ma dimostra, agisce, colpisce dove serve.

I risultati li valuteremo poi. Ma non sono un problema: partecipare ad una conferenza è, dal mio punto di vista, positivo a prescindere. E la scelta qui è ampia, e i nomi dei relatori garanzia di cose fatte per bene e del fatto che si apprenderanno dei concetti interessanti e utili.

Gli ambiti sono naturalmente diversi, ma tutti a modo loro significativi.

Nel caso della LTAC (dove – fatto non secondario – la partecipazione è gratuita), si parlerà di tecnologia applicata alla traduzione e alla redazione tecnica, sia da un punto di vista pratico che teorico.

La conferenza EUATC è chiaramente business oriented, rivolta soprattutto ai centri di traduzione. Ma poiché le aziende di traduzione presenti saranno verisimilmente molte, la trovo una fantastica occasione di promozione per i traduttori: è vero che, a differenza della matematica, il marketing non è un fondamento dell’universo, ma mi ha sempre leggermente sorpreso la scarsa presenza di traduttori in luoghi come questi pieni di potenziali clienti.

La conferenza ProZ è diretta soprattutto ai traduttori: con tutte le riserve che si possono esprimere per ProZ in quanto strumento, è comunque un’occasione stimolante di confronto.

Tre conferenze sui temi simili nella medesima città nel giro di un mese e mezzo. Se da una parte non è probabilmente possibile realizzare l’idea che Renato Beninatto espresse a Toronto nel 2004 alla conferenza ATA (là si parlava di riunire le forze tra la TCD dell’ATA e la ALC, ma il concetto è facilmente traslabile qui), dall’altra è un segno che viviamo in tempi interessanti.


Un commento a “Una nuova primavera”

  1. […] This post was mentioned on Twitter by Tursi Sabrina, Gianni Davico. Gianni Davico said: [Roma, traduzione, conferenze] https://giannidavico.it/brainfood/2011/02/21/una-nuova-primavera/ […]

Lascia un commento

preload preload preload