Apr 20

silenzio
C’è una frase di Vittorini che puntualmente mi ritorna in testa:

Ci vorrebbe silenzio, silenzio per parecchie generazioni.

Mi spiace non essere ancora (o più) riuscito a trovare la fonte; ricordo solo che è legata a Pavese. Il silenzio, in ogni caso, è un valore. Ben Hogan:

A lot of people don’t understand modesty. Not everybody wants publicity, you know.

E Montale:

Né più mi occorrono
le coincidenze, le prenotazioni,
le trappole, gli scorni di chi crede
che la realtà sia quella che si vede.

Penso alla distanza che c’è tra la realtà che abbiamo davanti agli occhi e alla realtà del nostro mondo interiore (la sento, più che altro). Alla distanza tra le parole e la realtà, all’estrema difficoltà di rendere una sensazione in parole. E al silenzio, soprattutto, figura – nel senso auerbachiano del termine – della quiete interiore. Ci vorrebbe silenzio, silenzio per parecchie generazioni.


Un commento a “Il valore del silenzio”

Lascia un commento

preload preload preload