Ago 26


È un’americanata, certo.

Lui è Dan McLaughlin, un trentenne ex fotografo commerciale che l’anno scorso ha lasciato il lavoro per imbarcarsi in un progetto che ha del folle (il che lo rende decisamente interessante): diventare un golfista professionista in 10mila ore di pratica, partendo da zero.

Dan pratica il golf per 50 ore la settimana, cosa che gli farà raggiungere l’obiettivo (inteso come numero di ore) ad aprile 2014.

L’idea delle 10mila ore è affascinante: Malcolm Gladwell l’ha resa popolare e io ne ho parlato, tra l’altro, qui. In poche parole, è il numero di ore necessario in qualunque disciplina per diventare un vero virtuoso.

Il piano è presentato in dettaglio nel sito. È possibile seguire Dan anche su Twitter e su Facebook.

Un punto che mi lascia scettico è l’età: tutti i grandi campioni hanno iniziato a praticare il golf da molto piccoli, con l’eccezione di Greg Norman, che iniziò a quindici anni ma il cui talento è pari a quello di pochissimi altri – non più di una manciata di fuoriclasse assoluti – in tutta la storia del golf.

Dan è certamente un pazzo. O forse un poeta. (Del resto aut insanit homo aut versus facit, per dirla con Orazio.) Riuscirà nell’impresa? Non riuscirà? Al momento non è rilevante. Io lo seguirò (con una punta di invidia, ovvio). E farò il tifo per lui.


Taggato:
preload preload preload
© 2021 Gianni Davico  Licenza Creative Commons