Statistiche 2014

Pro_Shop_03
Terminata la stagione, è il momento di fare un bilancio per il 2014 (qui il 2013, che contiene anche i link agli anni precedenti).

Quest’anno, dal punto di vista golfistico, ho consolidato quanto avevo sperimentato nel 2013, anno in cui sono diventato molto più sicuro del mio swing, più consapevole degli errori e delle relative correzioni. Nel corso del 2014 mi è stato chiaro il progetto delle 10mila ore. Ho anche capito che non diventerò professionista nel senso letterale del termine, ma ciononostante diventerò comunque – entro i prossimi 8 anni – il golfista migliore che posso diventare.

L’handicap è rimasto stabile (3,6 il dato attuale), ma soprattutto l’ho giocato in quasi tutti i campi in cui sono stato. Insomma è un handicap reale e non “di circolo”. Di recente sono riuscito anche a sciogliere quel nodo mentale che mi impediva di vedere il 2 come prossima meta: ora so che nel 2015 ci arriverò senza troppi patemi.

Ho registrato 41 giri completi, di cui sedici nei 70 in otto campi diversi. Più in dettaglio (tra parentesi i dati per il 2013 e, a seguire, per gli anni precedenti):
– colpi: 80,4 (81,2 – 81,9 – 82,2 – 82,8 – 87)
– fairway: 63% (64% – 61% – 54% – 53% – 48%)
– green: 39% (40% – 40% – 37% – 38% – 32%)
– putt: 30,95 (30,88 – 31,84 – 31,1 – 30,9 – 32)
– di cui 3-putt: 1,1 (0,9 – 1,5 – 1,3 – 1,1 – 1,9)

I migliori risultati: un 73 ai campionati piemontesi individuali, un 74 alla Margherita qualche settimana fa, un 75 al Feudo ai campionati piemontesi a squadre e un 76 a Sanremo.

I peggiori: un 88 a Boves, un 88 a Sanremo.

Sulle statistiche, però, con Bartali devo dire che “gli è tutto da rifare”. Ovvero: le statistiche che ho tenuto fino a oggi non sono più adeguate ai miei obiettivi attuali. Ne sto preparando delle nuove per il 2015 di cui dirò a suo tempo; sono comunque basate sulle mie riflessioni su questo libro.

I miei obietti per l’anno che verrà:

– handicap 2 virgola stabile;
– riprendere l’ordine di merito;
– predominanza di giri col 7 davanti;
– media putt sotto i 30.

Commenti

Lascia un commento