Ago 27

I golfisti sono un po’ (a volte un po’ tanto) paranoici, si sa. Io non faccio eccezione; ma del resto, come dice Tom Peters, “you can’t shrink your way to greatness”.

Allora quando ieri mattina, scoprendo quel che avevo fatto (involontariamente, ovvio) l’altra sera, ovvero buttato distrattamente la sacca in macchina dopo una giornata di golf e quindi fatto in modo che la canna del mio drive si rompesse, non potevo non essere leggermente fuori fase (e l’avverbio, com’è facile intuire, è un eufemismo).

Arrovellandomi per trovare una soluzione – come potevo stare senza drive con un mese di gare che incombono e 1,1 colpi da perdere? –, ho pensato bene di visitare Golf Nevada (o Nevada Bob’s che dir si voglia), dove la fortuna – è sempre la fortuna che gioca la sua parte, non c’è nulla da fare – mi fa incontrare una persona gentile (il proprietario del negozio, I suppose) che si prende in carico il mio Monsterino spezzato e me ne offre nel frattempo gratuitamente uno, identico preciso, in uso fino a che l’altro non tornerà.

Risultato: non è fisicamente lui, ma di fatto è lui. Ho completato il tutto comprando un ibrido, proprio quello che da tempo volevo: il 3i della stessa serie, che da quest’anno non è più in produzione e che era dunque difficile da trovare.

Risultato laterale: a fine mattinata ero un ragazzino felice, in campo pratica, a tirare i miei (e non miei) legni lunghi e diritti.

Infine: lezione imparata, da ora in poi tratterò i ferri del mestiere con le dovute cautele.

In ogni caso: grazie Golf Nevada!


Taggato:
preload preload preload
© 2024 Gianni Davico  Licenza Creative Commons